Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 12 dicembre 2017
Torna alla versione grafica - home

L'alternanza scuola lavoro



Novara, 12 dicembre 2017
Ultimo aggiornamento: 04.10.2017



Giovani e lavoro




Contenuto pagina

 

L'ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

 

Tra le disposizioni introdotte dalla Legge 107 del 2015 (nota come “La Buona Scuola”) vi è l’obbligatorietà dell’alternanza scuola-lavoro. A partire dall’anno scolastico 2015/2016 tutti gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori sono chiamati a svolgere delle esperienza educative, co-progettate dalla scuola con altri soggetti e istituzioni, per un totale di 400 ore negli istituti tecnici e professionali e 200 ore nei licei.

 

Tale esperienze, alternative rispetto alle tradizionali attività scolastiche, sono pensate per favorire negli studenti il “senso di iniziativa ed imprenditorialità”, ossia per aiutarli a diventare consapevoli delle dinamiche e dei processi lavorativi che avvengono all’interno di un’organizzazione e delle competenze richieste per il loro svolgimento.

 

Il percorso di alternanza scuola lavoro si articola in moduli didattico-informativi, svolti in classe o in azienda, e in moduli di apprendimento pratico all’interno del contesto lavorativo, che possono essere realizzati anche durante la sospensione delle attività scolastiche e/o all’estero.

 

I soggetti ospitanti possono essere imprese e aziende, associazioni sportive e di volontariato, enti culturali, istituzioni e ordini professionali.

 

L’alternanza si distingue dall'apprendistato in quanto quest’ultimo si configura come un vero e proprio rapporto di lavoro, che prevede un contratto, un piano formativo e l’aderenza alla normativa del Jobs Act. Essa differisce anche dal tirocinio/stage poiché rappresenta un percorso più strutturato e sistematico, articolato in un triennio e dotato di obbligatorietà.

 

L’impresa o altro soggetto che intenda ospitare degli studenti in alternanza è comunque tenuto a designare un tutor, stipulare un'apposita convenzione con l'istituto scolastico di riferimento e assicurarsi che sia erogabile la formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

 

INIZIATIVE:

Premio "Storie di alternanza"

Il Registro nazionale per l'alternanza scuola-lavoro

L'alleanza sul territorio

 

DOCUMENTI:

Guida MIUR alternanza scuola lavoro

Quadro normativo e aggiornamenti

FAQ

 

 

 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]