Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 25 maggio 2017
Torna alla versione grafica - home

Sanzioni



Novara, 25 maggio 2017
Ultimo aggiornamento: 06.09.2016



Tutela impresa e consumatori



SANZIONI

L┤Ufficio Sanzioni emette provvedimenti sanzionatori, di natura amministrativa, a seguito di violazioni commesse da operatori economici ai quali sia stato contestato o notificato, da parte degli organi accertatori, un illecito amministrativo.


Contenuto pagina

NEWS: Il Consiglio Camerale con Deliberazione n. 5 del 21 luglio 2016 ha approvato il Regolamento delle sanzionatorie amministrative. Il testo è in vigore dal 13 agosto 2016.

 

Le sanzioni amministrative hanno la funzione di colpire e di conseguenza scoraggiare i comportamenti dannosi per consumatore e utenti, nonché di salvaguardare interessi collettivi rilevanti, quali la correttezza commerciale, l'applicazione delle norme regolatrici dell'attività commerciale, la sicurezza dei prodotti. 
La sanzione amministrativa consiste, di norma, in una somma di denaro che il trasgressore deve pagare per aver violato la legge nel campo amministrativo. 
All'Ufficio Sanzioni pervengono i rapporti dei verbali di accertamento GIA' EMESSI per violazioni rilevate e contestate dagli organi di vigilanza, (ad esempio: Funzionari camerali incaricati della vigilanza Sicurezza Prodotti, Ispettori metrici, Polizia municipale, Carabinieri, N.A.S., Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Registro delle imprese), ma NON PAGATI dall’interessato nei 60 giorni di tempo prescritti. 
Dalla competenza dell'Ufficio Sanzioni sono escluse le sanzioni in materia di Diritto annuale. 

Gli organi accertatori, quando accertano che il cittadino ha violato alcune disposizioni di legge, notificano all’interessato un verbale contenente i seguenti elementi: la violazione contestata, la sanzione amministrativa stabilita dalla legge, il pagamento liberatorio, cioè l'importo della sanzione calcolato in misura ridotta, da versare entro 60 giorni dalla notifica del verbale (detto pagamento estingue il procedimento sanzionatorio) e il soggetto a cui presentare scritti difensivi e il termine entro cui detto ricorso deve essere inoltrato.

L'INTERESSATO può decidere:
1) di pagare, e, in tal modo, estingue immediatamente il procedimento;
2) di presentare scritti difensivi, solo qualora non abbia già effettuato il pagamento liberatorio indicato nel verbale, se ritiene di non aver commesso la violazione o di avere comunque delle scusanti a sua discarico . Lo scritto difensivo, redatto in carta libera,  è una memoria in cui l’interessato espone motivazioni ed obiezioni e può altresì  chiedere di essere ascoltato.

La CAMERA DI COMMERCIO , ultimata l'istruttoria da parte dell'ufficio Sanzioni, procede unilateralmente con:
 - L'ORDINANZA DI ARCHIVIAZIONE  qualora ritenga infondato l'accertamento della violazione contestata, disponendo con tale atto  l’estinzione del procedimento a carico dell’interessato. 

-   L'ORDINANZA INGIUNZIONE di pagamento della sanzione e delle spese relative. 
L'interessato ha  30 giorni di tempo, dal ricevimento dell’ordinanza ingiuntiva, per effettuare il pagamento. 

Il ricorso in opposizione all'ordinanza ingiuntiva  deve essere proposto al Giudice di Pace, salvo nei casi previsti dall’art. 22-bis della legge n. 689/81, per i quali si propone davanti al Tribunale. 
L'ufficio Sanzioni, qualora l'interessato  non abbia effettuato il pagamento nei termini di 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza ingiunzione e non abbia proposto ricorso al Giudice di Pace,  procede all'esecuzione forzata con l'iscrizione della posizione nei Ruoli Esattoriali. L’Esattoria, incaricata quindi  di riscuotere il debito,  invierà all'interessato una cartella con il conteggio della sanzione non versata e degli interessi. 

-   L'ORDINANZA DI CONFISCA  qualora intenda confermare il sequestro dei beni operato dall'organo accertatore.  Avverso  tale ordinanza è ammesso ricorso innanzi al Tribunale competente per territorio entro il termine perentorio di 30 giorni dalla data di notificazione dell'ordinanza

-  L'ORDINANZA DI DISSEQUESTRO DEI BENI, qualora non ritenga di convalidare il sequestro operato connesso alla violazione accertata.  Tale ordinanza è emessa a seguito di presentazione all''ufficio Sanzioni di circostanziata opposizione (in forma scritta ed esente da bollo)  al verbale di sequestro; detta opposizione può essere presentata in qualunque momento, senza obbligo di rispettare un termine.

 

PAGAMENTO RATEALE DELL’ORDINANZA INGIUNTIVA

In caso di condizioni economiche disagiate, è possibile presentare istanza, in carta semplice, di pagamento rateale dell'ordinanza. L'art. 26 della Legge 689/81 prevede una rateazione di pagamento da 3 a 30 rate, il cui importo non può essere inferiore a € 15,00. L'istanza deve essere presentata all'Ufficio Sanzionatorio- Settore Metrologia legale e Regolazione del mercato, con allegata apposita dichiarazione sostitutiva di certificazione, secondo una delle seguenti modalità:

  • consegnata a mano all'Ufficio Sanzionatorio, con ingresso in via Negroni, 5/a, piano terra (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00);
  • spedita via posta con raccomandata RR a Camera di Commercio di Novara – Ufficio Sanzionatorio via Avogadro 4 - 28100 Novara;
  • spedita via posta elettronica certificata all'indirizzo: affari.generali@no.legalmail.camcom.it

L'Ufficio valuta l'eventuale accoglimento dell'istanza. Se il pagamento non avviene nei termini, si attiva la procedura di esecuzione coattiva.

Dichiarazione sostitutiva di certificazione (in formato pdf)

Richiesta di rateazione ordinanza (in formato pdf)

Normativa di riferimento:
Legge  n. 689 del 24/11/1981 e successive modifiche e integrazioni.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Settore Metrologia legale e Regolazione mercato

Riferimento  
Indirizzo piano terra - via Negroni, 5a - Novara
Telefono 0321338390
Fax 0321338338
E-mail regolazione.mercato@no.camcom.it
Orari Dal lunedý a venerdý: 9.00 - 13.00 mercoledý pomeriggio: 14.30 - 15.30

[ inizio pagina ]