Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 7 aprile 2020
Torna alla versione grafica - home

CuraItalia: agevolazioni per le imprese



Novara, 7 aprile 2020
Ultimo aggiornamento: 26.03.2020



Emergenza COVID-19



CURAITALIA: AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE


Contenuto pagina

Al via i nuovi incentivi previsti dal Decreto Cura Italia per la produzione e fornitura di dispositivi medici e di protezione individuale ai fini del contenimento e del contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19.

Sono disponibili in tutto 50 milioni di euro, messi a disposizione delle imprese italiane che vogliono ampliare o riconvertire la propria attività per produrre ventilatori, mascherine, occhiali, camici e tute di sicurezza. 

 

La domanda si presenta esclusivamente online, a partire dalle ore 12.00 del 26 marzo 2020. Gli incentivi rientrano nel regime degli aiuti di Stato e sono gestiti da Invitalia, l’Agenzia per lo sviluppo, soggetto attuatore per conto del Commissario Straordinario per l’Emergenza Domenico Arcuri.

 

Possono chiedere l'incentivo tutte le imprese costituite in forma societaria (anche le società di persone), localizzate sull'intero territorio nazionale, senza vincoli di dimensione. Sono escluse le ditte indivisuali e le partite Iva.

Il programma di investimenti dovrà avere un valore compreso tra 200mila e 2 milioni di euro e sarà agevolato fino al 75% con un prestito senza interessi (tasso zero). È previsto un sistema di premialità legato alla velocità di intervento, che trasforma il mutuo in fondo perduto al 100% se si conclude l’investimento in 15 giorni; al 50% se si conclude in 30 giorni; al 25% se si conclude in 60 giorni. All’ammissione del progetto è previsto inoltre un anticipo immediato del 60% delle agevolazioni, concesse senza garanzie.

Sono agevolabili anche le spese sostenute prima della presentazione della domanda, ma sempre dopo la pubblicazione del DL Cura Italia (17 marzo 2020).

 

Per presentare la domanda è necessario registrarsi nell'area riservata di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario. Una volta registrati bisognerà accedere ai servizi online, compilare direttamente la domanda e caricare tutta documentazione da allegare firmando i relativi documenti digitalmente.

Per richiedere le agevolazioni è necessario disporre di una firma digitale oltre che di un indirizzo di posta elettronica certificata (Pec). Invitalia valuterà le domande in base all'ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento dei fondi.

 

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo www.invitalia.it/cosa-facciamo/emergenza-coronavirus.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]