Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 24 gennaio 2018
Torna alla versione grafica - home

Pec: Posta Elettronica Certificata



Novara, 24 gennaio 2018
Ultimo aggiornamento: 07.07.2015



Avvio e gestione d'impresa



PEC: POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Contenuto pagina

Posta elettronica certificata è un sistema simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione tali da rendere i messaggi opponibili a terzi.
Ogni titolare di un indirizzo di posta elettronica certificata, pertanto, può inviare una e-mail ad un'altra casella di PEC con lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno.
La casella può essere rilasciata da uno qualsiasi dei gestori di PEC iscritti in apposito elenco tenuto dall' Agenzia per l'Italia Digitale.

Dal 29 novembre 2008 le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese.
Il 29 novembre u.s. è entrato in vigore il Decreto Legge n. 185/2008. L’articolo 16, al comma 6, prevede che "...le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese...".
Da tale innovativa disposizione discende la necessità di dotare la società, prima ancora della predisposizione e della trasmissione dell’istanza di iscrizione dell’atto costitutivo, di una casella di posta certificata valida, e di indicare nella pratica il relativo indirizzo. A partire dal 2 marzo 2009, in assenza dell’indirizzo P.E.C. nell’istanza di iscrizione, verrà richiesta la regolarizzazione assegnando un congruo termine; nel caso di mancato adempimento l’Ufficio procederà con il rifiuto della domanda. 

A decorrere dal 20 ottobre 2012, secondo quanto stabilito ai commi 1 e 2 dell’art. 5, del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, pubblicato sulla G.U. del 19 ottobre 2012, anche le imprese individuali che si iscrivono nel Registro delle imprese o all’Albo delle imprese artigiane avranno l’obbligo di indicare nella domanda di iscrizione l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).Le imprese individuali attive e non soggette a procedura concorsuale, sono tenute a depositare, presso l'ufficio del Registro delle imprese competente, il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) entro il 30 giugno  2013 ( secondo quanto stabilito dall'art. 5 della legge 17 dicembre 2012, n. 221).  Analogamente a quanto previsto per le società, l'ufficio del Registro delle imprese che riceve una domanda di iscrizione da parte di un'impresa individuale che non ha iscritto il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, in luogo dell'irrogazione della sanzione prevista dall'articolo 2630 del Codice civile, sospenderà la domanda per 45 giorni, in attesa che essa sia integrata con l'indirizzo di posta elettronica certificata. Decorso il termine di 45 giorni di sospensione della domanda, il Conservatore del registro imprese disporrà con proprio provvediemnto il rifiuto della medesima.


Nota bene: l'indirizzo di posta dovrà risultare attivo al momento della trasmissione della pratica. L'Ufficio eseguirà appositi controlli al fine di verificare l'esistenza e il regolare funzionamento della casella di P.E.C. dichiarata dalla società.
L’iscrizione dell’indirizzo di posta elettronica certificata nel registro delle imprese e le sue successive eventuali variazioni sono esenti dall’imposta di bollo e dai diritti di segreteria.

Omessa comunicazione Pec al Registro Imprese da parte di  Società

Omessa comunicazione Pec al Registro Imprese da parte di Imprese Individuali


Posta elettronica certificata e Comunicazione Unica
La procedura di Comunicazione Unica per la Nascita dell'Impresa, istituita dall'art. 9 del DL 7/2007, comporta l'utilizzo della PEC per ogni comunicazione tra l'impresa (o i suoi intermediari), l'Ufficio del Registro Imprese e gli altri Enti coinvolti. Per le sole imprese individuali è possibile richiedere l'assegnazione della casella PEC gratuitamente e contestualmente all'invio di qualunque pratica di Comunicazione Unica. 
In tal caso:
-la casella PEC può essere richiesta compilando gli appositi campi tramite l'applicativo ComUnica;
-nella distinta di Comunicazione Unica, da firmare digitalmente, vengono esplicitate le condizioni di utilizzo della casella PEC che sarà assegnata all'impresa;
-la creazione della casella PEC viene notificata via e-mail all’indirizzo di posta elettronica indicato nel modello di ComUnica;
-le credenziali di accesso sono disponibili nell’area riservata del sito www.registroimprese.it ;
-la casella riceverà solo messaggi di posta elettronica certificata (saranno respinti i messaggi tradizionali);
-la casella potrà inviare messaggi di posta elettronica certificata e normale.

 



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualità dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Settore Registro Imprese e Attività Anagrafiche - Registro Imprese

Riferimento  
Indirizzo piano terra - via Avogadro,4 - Novara
Telefono 0321338220
Fax 0321338214
E-mail registro.imprese@no.legalmail.camcom.it, registro.imprese@no.camcom.it
Orari Dal lunedì a venerdì: 9.00 - 13.00 mercoledì pomeriggio: 14.30 - 15.30

[ inizio pagina ]