Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 4 dicembre 2020
Torna alla versione grafica - home

Il ruolo della Camera di Commercio nella realizzazione del progetto



Novara, 4 dicembre 2020
Ultimo aggiornamento: 07.10.2010



Sviluppo d'impresa



IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Contenuto pagina

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e Unioncamere nel novembre 2003 hanno siglato un Protocollo d'Intesa , in cui si prevede l'intervento delle Camere di Commercio nella diffusione della cultura della responsabilitÓ sociale, attraverso l'apertura di Sportelli informativi al fine:
Ľ di dare informazioni sulla CSR e sulle iniziative poste in essere dal Ministero concernenti tale tematica;
Ľ di promuovere l'adesione delle PMI al Progetto CSR-SC supportando le imprese interessate nell'implementazione dell'autovalutazione;
Ľ di organizzare eventi informativi e fornire indicazioni sulle iniziative e sulle agevolazioni previste per la CSR.

Lo sportello novarese Ŕ operativo con attivitÓ di promozione della CSR fin dal 2004.
In particolare lo sportello ha preso contatti sia con le Associazioni di categoria rappresentative del mondo imprenditoriale locale per promuovere e condividere iniziative di CSR, sia direttamente con le imprese, al fine di "testare" il modello di autovalutazione proposto dal Ministero e raccogliere esperienze di "buone prassi", oltre che per condurre uno studio sulla diffusione delle pratiche socialmente responsabili adottate dalle aziende, allo scopo di approfondire, con specifico riferimento alla realtÓ del Novarese, le informazioni giÓ raccolte a livello nazionale.

LA DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA' SOCIALE : IL SOCIAL STATEMENT E IL SET DI INDICATORI
Il Progetto CSR-SC per l'Italia ha la caratteristica di avere come target le piccole e medie imprese (PMI), realtÓ fortemente presente nel tessuto produttivo nazionale, ed Ŕ per questo che il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha introdotto uno strumento semplice in grado di essere utilizzato dal management di qualunque tipo d'impresa per informare i propri stakeholder sulle politiche di CSR adottate.
Lo strumento utilizzato dal Progetto per supportare le imprese nell'attivitÓ di autovalutazione delle performance di CSR al fine di redigere la "Dichiarazione di ResponsabilitÓ Sociale" Ŕ il Social Statement.
Il Social Statement Ŕ un modello di rendicontazione chiaro, semplice e flessibile che, basandosi su un elevato grado di sintesi accompagnato da un'accuratezza nell'individuazione dei dati, utilizza una serie di indicatori in grado di valutare la performance nell'ambito della CSR da parte dell'impresa e di compararla con quella delle altre impegnate in tale tematica.
Gli indicatori riguardano le otto categorie di stakeholder (Risorse Umane; Soci/Azionisti e ComunitÓ finanziaria; Clienti; Fornitori; Partner finanziari; Stato, Enti locali e Pubblica Amministrazione; ComunitÓ; Ambiente) e possono essere:
- quantitativi, se espressi sotto forma di dati economico-finanziari, quozienti, percentuali, ecc.;
- qualitativi, se non composti da dati numerici, ma relativi alla descrizione e alla spiegazione di progetti o iniziative posti in essere dall'impresa.
Tali indicatori si possono ulteriormente suddividere in due tipologie (salvo ulteriori approfondimenti per alcune specificitÓ territoriali):
- indicatori comuni (C), applicabili a tutte le imprese per la stesura del Social Statement;
- indicatori addizionali (A), da aggiungere a quelli comuni per le imprese con pi¨ di 50 dipendenti e per le societÓ quotate.


Per le imprese che vogliono valutare l'impegno raggiunto nella responsabilitÓ sociale e le buone prassi adottate in questo ambito Ŕ possibile compilare la scheda delle "Best practices" che pu˛ essere considerata come il primo approccio a tale argomento e la base per la futura compilazione del Social Statement.




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]