Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 1 dicembre 2021
Torna alla versione grafica - home

Attivazione e procedura



Novara, 1 dicembre 2021
Ultimo aggiornamento: 20.05.2020



Tutela impresa e consumatori



ATTIVAZIONE E PROCEDURA

Contenuto pagina

La mediazione si attiva presentando una domanda (possibilmente utilizzando gli appositi moduli, nel caso di più parti, fare copia della pagina con l'indicazione dei dati anagrafici quante sono le parti istanti o le parti invitate) compilata e sottoscritta in tutte le sue parti:

- tramite PEC all'indirizzo adr.cciaa.no@legalmail.it;

- tramite mail all'indirizzo: mediazione@no.camcom.it

- tramite il servizio online conciliaCamere

- direttamente allo sportello della sede provinciale di ADR Piemonte (in ottemperanza alle norme per la prevenzione del contagio da Covid-19, si precisa che l'accesso allo sportello è possibile solo previo appuntamento e solo se impossibilitati a depositare con le altre modalità previste)

 

La domanda deve essere corredata dai seguenti documenti:

- documento d'identità e del codice fiscale della parte istante;
- copia del bonifico per il pagamento delle spese di avvio; 
- procura speciale all'avvocato che assiste la parte, con specifico riferimento al procedimento di mediazione. Si riporta facsimile procura con mandato a conciliare per la mediazione

 

I soggetti fra cui esiste una controversia possono anche presentare una domanda congiunta di mediazione. In tale caso, il procedimento segue il medesimo iter di cui sotto.

La domanda deve essere presentata all'Organismo di mediazione sito nel luogo  del Giudice territorialmente competente per la controversia.

 

La fissazione del primo incontro, entro 30 giorni dalla data di deposito (salvo diverso accordo tra le parti o per motivate esigenze organizzative) la nomina del mediatore e la trasmissione della domanda alla parte convenuta sono a carico della Segreteria provinciale dell'Organismo di mediazione.

Ai fini interruttivi dei termini di decadenza o di prescrizione, è fatta salva la possibilità per la parte istante di effettuare a propria cura la comunicazione del deposito della domanda di mediazione.
La sede dell'incontro, salvo diverse indicazioni delle parti, è la sede della Segreteria provinciale di ADR Piemonte - via Avogadro 4 - 28100 Novara.
 

Le parti dovranno essere assistite da un Avvocato nel corso di tutta la procedura di mediazione obbligatoria.


Il primo incontro tra le parti ossia l'incontro di programmazione consisterà in una sessione preliminare per cui il mediatore avrà il compito di informare le parti sulle caratteristiche e sulle modalità di svolgimento della procedura e verificherà insieme alle parti e ai loro consulenti, eventualmente presenti, la possibilità  di iniziare la procedura di mediazione.

Le parti partecipano all'incontro personalmente o, in alternativa possono farsi sostituire da un proprio rappresentante informato sui fatti e munito dei necessari poteri.

Il mediatore conduce senza formalità di procedura, sentendo le parti sia congiuntamente che separatamente e, d'intesa con le parti può fissare eventuali incontri successivi al primo.

 

L'accordo di mediazione sottoscritto  dalle parti aderenti alla mediazione e dai loro avvocati costituisce titolo esecutivo per l'espropriazione forzata, l'esecuzione per consegna e rilascio, l'esecuzione degli obblighi di fare e non fare, nonchè per l'iscrizione di ipoteca giudiziale. In tutti gli altri casi l'accordo potrà essere omologato su istanza di parte con Decreto del Tribunale.

Della mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione obbligatoria, il Giudice può desumere  argomenti di prova nel successivo giudizio, condannando la parte costituita che non ha partecipato al procedimento al versamento di un importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio.


 



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]