Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 21 ottobre 2017 data
Torna alla versione grafica - home

NovitÓ



Novara, 21 ottobre 2017
Ultimo aggiornamento: 06.03.2017



Percorso di navigazione

Strumento

NovitÓ

 

Contenuto della pagina

06.03.2017

PubblicitÓ ingannevole: condannate due societÓ


L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha condannato la CASELLARIO UNICO TELEMATICO IMPRESE a pagare 50mila euro e la PORTALE IMPRESE S.R.L. a pagare 120mila euro per aver messo in atto un’attività commerciale ingannevole e scorretta.

La CASELLARIO UNICO TELEMATICO IMPRESE inviava alle ditte iscritte alle Camere di Commercio un bollettino postale precompilato finalizzato al pagamento di 298,29 euro e la PORTALE IMPRESE S.R.L. un bollettino di euro 268,40.

La Camera di Commercio invita tutte le imprese contattate da queste società o da altre a verificare scrupolosamente la provenienza e la natura di eventuali richieste di pagamento, non esitando a contattare gli uffici camerali per ottenere chiarimenti o fornire segnalazioni.

A favore delle imprese, perchè esse siano adeguatamente informate e dunque in grado proteggersi da ricorrenti raggiri commerciali posti in essere ai loro danni, attraverso l’invio di bollettini e richieste di pagamento ingannevoli, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha messo a disposizione delle imprese un Vademecum dal titolo “IO NON CI CASCO! Bollettini e moduli ingannevoli. Vademecum anti-inganni dell’Autorità Antitrust contro le indebite richieste di pagamento alle aziende”.