Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di Commercio di Novara, 15 agosto 2020 data
Torna alla versione grafica - home

NovitÓ



Novara, 15 agosto 2020
Ultimo aggiornamento: 13.08.2020



Percorso di navigazione

Strumento

NovitÓ

 

Contenuto della pagina

13.08.2020

Attenzione: nuove richieste di pagamento alle imprese


Si segnala che si sono verificati alcuni casi di richieste indebite di pagamento rivolti alle imprese.

In particolare si tratta di comunicazioni inerenti la registrazione di marchi d’impresa, con richiesta di pagamento di euro 2.134,00 pervenuta da parte di World Patent and Trademark Agency sro, con sede a Brno (Repubblica Ceca).

La richiesta di pagamento riguarda la registrazione o l’inserimento in un portale commerciale ed è trasmessa con l’intento di fuorviare i destinatari, inducendoli a credere di trovarsi di fronte a una comunicazione ufficiale e di dover procedere al pagamento della somma. Viene quindi richiesto il pagamento per un servizio che sembra essere obbligatorio, ma il versamento non è collegato alla corresponsione di importi pretesi dagli enti ufficiali preposti; si tratta, invece, di un’attività commerciale a fini pubblicitari che prevede l’inserimento in un portale.

Si segnala, inoltre, la richiesta (con  bollettino precompilato con i dati dell’impresa) di euro 335,00 da parte di ITALIA IN RETE Srl semplificata (P.IVA 09297621212) con sede in Via Brin 63 – Napoli, finalizzata all’iscrizione per 12 mesi al portale www.italiainrete.org.

Si precisa che si tratta di una proposta commerciale che non ha alcun collegamento con la Camera di Commercio e non sostituisce in nessun modo gli adempimenti previsti dalla legge: tali precisazioni sono contenute anche nella lettera inviata alle imprese da ITALIA IN RETE,  ma vengono riportate in carattere ridotto. Il richiamo esplicito alla Camera di Commercio e le tempistiche di trasmissione della richiesta (solitamente in seguito all’iscrizione al Registro Imprese o alla presentazione di modifiche societarie) possono inoltre fuorviare i destinatari, inducendoli a credere di trovarsi davanti a una comunicazione ufficiale e di dover quindi procedere al pagamento della somma richiesta.

Si invitano pertanto le imprese che dovessero ricevere tale o analoghe comunicazioni a rivolgersi sempre all'ente camerale di riferimento, alla propria associazione di categoria o al proprio professionista di fiducia, per verificare se si tratta di un vero adempimento obbligatorio o di un'offerta commerciale mascherata come tale. 

In caso di dubbio si consiglia inoltre di consultare il vademecum Io non ci casco realizzato dall'Autorià Garante della Concorrenza e del Mercato.